iL SITO UTILIZZA COOKIES PER UNA MIGLIORE ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE

Vita selvatica - Manuale di sopravvivenza alla modernità

A conclusione

CR: A conclusione di questo veloce, e per me molto emozionante viaggio, caro Francesco, mi sembra che per la tua generazione, e quelle dopo, si aprano prospettive di grande interesse. Anche di rischio, naturalmente, come sempre quando le cose finalmente si muovono. E' un po' come dopo un lungo periodo di insopportabile afa: grandi masse di aria si spostano, scoppiano temporali, e finalmente si respira.
Sotto l'incalzare delle tue domande abbiamo attraversato paesaggi molto diversi, a partire da quello (metafisico eppure concretissimo) della Terra Desolata (caro ad entrambi).  La terra desolata, però, è ancora lì, con i suoi fragili lillà, che devono lasciare spazio a piante robuste, e piene di frutti autentici e forti (come spero voi siate e diventiate), che affondino radici profonde in una terra pulita, non avvelenata dalle scorie degli spurghi  industriali.
Nel lungo tempo della mia vita, di cui ho raccontato qualche immagine per chi non le ha vissute, le scorie invece sono sempre aumentate, assieme alla pesantezza dell'aria e all'apparente inconsistenza dei modi di vita. Ciò non mi ha impedito di essere felice, ma mi ha anche preoccupato per i moltissimi (tra i quali molti alle cui sofferenze ho partecipato) che faticano ad amare, a riconoscere la bellezza dei semplici cibi della vita, in senso metaforico e anche reale.
Come se anche lì ci fosse un'intossicazione da immagine, da star, nei piatti, che fotografiamo prima di mangiarli, per poi ridurli ad allegati da mandare in giro su Internet, facendo loro perdere il profumo, gusto, sapore, di cibo vivo. Questo passaggio dal reale, vivente, a un immaginario da esibizione, dal miracolo economico in poi si è intensificato, in ogni cosa. E' stato un lungo periodo di progressiva sofisticazione (anche nel senso di falsificazione) della vita. Compimento forse di quel "processo di civilizzazione" - esaltato dalla sociologia del secolo scorso -, che con le sue crescenti patologie psichiche, affettive, fisiche, e linguistiche (il politically correct) ha mostrato come un raffinamento dei comportamenti lontano dal mondo vivente degli affetti, dei corpi e delle anime (non più considerate perché estranee alla tecnica), si trasformi poi una mortifera barbarie. Per giunta assai fragile di fronte alle pressioni, anche aggressive, delle altre parti del mondo, che per varie ragioni quella civilizzazione hanno rifiutato.
Tuttavia, proprio mentre di questo stavamo parlando, tra di noi, con gli amici, sui giornali, nei libri che scriviamo, tutto ha preso a cambiare molto velocemente. Per la prima volta da quando io ricordi, le persone hanno cominciato a fare l'opposto di quanto i poteri forti, di cui i media in tutto l'Occidente sono espressione, le chiedevano. Ciò ha sconcertato molti. A me sembra un segno di vitalità.
La vita e la professione mi hanno confermato in pieno l'intuizione di C.G. Jung, che sosteneva che la maggior parte dei malesseri e disturbi psichici sono l'effetto dell'adeguarsi a spinte e influenze collettive che non ci rispecchiano. Questo recente fare diverso (e il contrario) delle raccomandazioni dei potenti mi pare portatore di una promessa di cambiamento per il mondo, e per questo mondo occidentale di cui siamo parte. Che in questo lungo periodo di abbondanze (del resto ormai in esaurimento), piaceri autodistruttivi (le droghe di cui siamo i primi acquirenti al resto del mondo, ben contento di vendercele e godere i frutti del nostro indebolimento), perdita di tensione morale e ideale, ha liquidato il proprio patrimonio culturale e spirituale, perché ormai inconsapevole di avere un'anima.
Dante, Shakespeare, Goethe, Eliot.. e tutti gli altri. E' con questi e con i loro alti ideali di vita e di bellezza che noi, e voi tanto più giovani, dobbiamo confrontarci. Una forza vitale e spirituale che  non ci lascia tregua. Le nostre cattedrali, la nostra musica, e tutto il resto. Tutto molto vivo, di carne, cuore e spirito. Non certo scambiabile con un concetto astratto, di carattere finanziario   (privo dunque di questi elementi viventi: carne, cuore e spirito), come quello di globalizzazione. Un concetto che ha presieduto  a quella morte per acqua e liquefazione dell'Occidente di cui abbiamo parlato in queste pagine. E che per la verità molti dei più importanti scienziati politici danno ormai per esaurito, ma di cui è puro buonsenso temere i colpi di coda. Nessun autocrate toglie il disturbo senza protestare.
La realtà si presenterà con il suo volto, e andrà affrontata. Ma sarà con ogni probabilità un cambiamento, e non un eterno ritorno dell'eguale come è stato dal dopoguerra ad oggi. Decisivo, sarà piuttosto il come affrontarla.
Noi abbiamo in poco più di 70 anni di relativa pace e benessere, e molto divertimento piuttosto volgere e di bassa qualità, liquidato più di duemila anni di storia di straordinaria ricchezza spirituale, culturale, economica, antropologica, artistica. Di cui rimane pochissimo, nei programmi scolastici, nella lingua parlata e scritta, nel sistema di comunicazioni. Reagire a questa distruzione richiede un'enorme forza di contrasto alla psicologia della  liquidazione, e quindi una notevole, profonda disciplina. Iscritta nella storia dell'Occidente, ma tutta da ritrovare perché, anche quella, non ci è stata consegnata. A te che hai l'età del mio primogenito, ma nemmeno a me. Anzi ci hanno detto che un vecchio arnese, ormai inservibile. Non è vero. Senza di essa non potremmo mai ritrovare le forme della nostra storia e della nostra   vita, andate disperse nella liquefazione di una civiltà.
E' tutto da ritrovare, preziosi fili da riprendere e ritessere. Anche con l'aiuto delle donne, che l'arte della tessitura l'hanno appresa da Pallade Atena, ma poi in parte smarrita, probabilmente anche con la responsabilità di noi maschi...
Una splendida sfida, consegnataci da un mondo percorso da un movimento autentico, non virtuale o di maniera,
Grazie di avere provocato, e condiviso, questo emozionante confronto.

Indice

Indice del libro “La vita selvatica” di Francesco Borgonovo e Claudio Risé, Lindau Edizioni

7    Introduzione, di Francesco Borgonovo

17    L’archetipo della «Terra desolata»
18    La vita e la morte nelle primavere
19    Sviluppo e distruzione
19    Gli Archetipi, l’unione degli opposti, e la necessità della distinzione
20    La ferita fallica del Re del Graal
21    L’inaridimento della terra del Re ferito
22    La folla di morti sul London Bridge
23    Il presente / futuro. Il Marinaio Fenicio
24    Il naufragio della civiltà di profitto/perdita
25    Lo stupro dell’anima occidentale
26    L’Eros come consumo e la depressione
27    L’era della sterilità
30    La sterilità e la ferita: istruzioni per l’uso
30    L’azione, e il suo scopo
31    Rifiutare la posizione giudiziaria
32    Rifiutare la posizione estetizzante e/o sentimentale
33    L’allontanamento dalla natura e la crisi dell’istinto riproduttivo
35    L’uomo della civilizzazione e l’angoscia
37    L’acqua della vita e la rinascita
38    Decapitazione del padre e secolarizzazione
40    L’acqua della dissoluzione
40    Padre, confine, limite: nascita o dissoluzione dell’Io
42    Liquefazione delle forme e necessità del limite/confine
44    L’indispensabile mondo organico
45    L’uomo tra istinto e intelligenza
47    Il reality show del totalitarismo capitalista
51    Eros è ammalato
52    Parsifal e la coppa del Graal
54    Lo scarico della pulsione e la società pornografica
55    Illuminazione, consumo e malattia
56    L’attivismo amoroso occidentale e le sue illusioni
57    Il mito di Tristano e Isotta
58    Il filtro e il veleno
59    L’intervento del materno in Tristano e nel Parsifal
62    Il sacrificio del Figlio del Padre e la trasformazione
63    La moderna sottomissione alla pulsione
64    Sottomissione e depressione nel mondo secolarizzato
65    Consumi antivitali e privazioni formative
66    Il sacrificio, e l’anima che l’accetta: Euridice
67    La trasparenza: pseudo-concetto tardo-moderno
70    Trasparenza e inconsistenza
72    Il narcisismo e l’erosione dell’altro
73    Le vie della sopravvivenza: diventare natura
74    Il promotore del cambiamento: l’Idiota
75    Le ricchezze virtuose e quelle sterili
76    Il mercato riproduttivo. Dopo la decapitazione dei padri, l’abolizione della madre
80    L’uomo prodotto in laboratorio
81    La femminilizzazione del maschio
82    La mamma e i soldati liberatori
84    La mia Resistenza personale
86    La criminalizzazione dei conflitti
87    Il mondo delle donne e l’«azienda Grande Madre»
89    La razionalizzazione e la società burocratica
91    La nostalgia maschile della lotta: «Fight Club»
92    Don Giovanni e altri infantilismi
93    L’abolizione dei riti di passaggio
96    Il combattimento spirituale. Scorsese e «Silence»
100    Il codice materno e l’assenza dei padri
103    La vecchiaia inutile e la rimozione della morte
104    L’ideologia giovanilista. Puer aeternus e fanciullo divino
105    La cultura del narcisismo
107    Narcisismo vs famiglia e dono
108    Famiglia e incontro con l’altro
110    Famiglia, luogo di diversi
111    La Rivoluzione Francese contro la famiglia
113    L’Occidente e la famiglia, oggi
115    L’abolizione di padre e madre
116    Teorie del gender e liquidità della vita
118    La burocratizzazione della famiglia
121    Libertà, genere, pratiche sessuali
124    Il gender nelle scuole
125    Il confine e la pace
126    Il pacifista globale e il suo doppio: il terrorista
127    Soggetto debole e sviluppo dell’Ombra
128    Internet e la stupidità
130    Abolizione della memoria e rete
132    I libertari e l’American Renaissance oggi
135    Natura e naturalità vs politically correct
138    Nature Deficit Disorder e passaggio al bosco
141    Il Titanic e il suo cibo

147    Bibliografia

Vita selvatica - Manuale di sopravvivenza alla modernità

Quarta di copertina

Utilizziamo i cookies per una navigazione migliore. Per conoscere la nostra privacy policy clicca sulla privacy policy.

  Accetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information